Carceri e #covid-19: qualche dato

Senza categoria

Sono 61.230 (dati aggiornati a fine febbraio) i detenuti nelle carceri italiane. Alcuni istituti arrivano a un tasso di sovraffolamento del 190%. A svelarcelo è sempre il rapporto annuale di Antigone che nel 2019 ha visitato più di cento istituti penitenziari.

Ma la vita post-covid-19 è cambiata anche nelle carceri. Ogni giorno i detenuti sentono dire alla televisione che bisogna mantenere le DISTANZE, salvo poi ritrovarsi in tre persone in celle da 12 metri quadri, respirando “bocca a bocca”, in condizioni igienico-sanitarie che sono spesso precarie (assenza di acqua calda, molte sono celle senza doccia e spesso mancano prodotti per la pulizia e l’igiene). 

In una condizione da condannati a morte è evidente che con questi numeri, se dovesse entrare il VIRUS in carcere, sarebbe una catastrofe per detenuti e operatori. Per gli uni e per gli altri bisogna muoversi subito.

Qui di seguito le proposte di Antigone e altre associazioni per proteggere la SALUTE e la DIGNITÀ, ridurre l’ISOLAMENTO dei detenuti in questa fase difficilissima, piena di incertezze, PAURA, anche del virus ma non solo: c’è la disperazione, la solitudine.

Tra le misure indicate, oltre all’estensione della detenzione domiciliare prevista dalla legge 146 del 2013,  la proposta a ogni istituto penitenziario di acquistare un cellulare ogni 100 detenuti presenti così da consentire ai detenuti una telefonata o video-telefonata quotidiana (massimo 20 min).

Di seguito le 5 proposte:

1. La direzione di ciascun istituto penitenziario provvederà all’acquisto di uno smartphone ogni cento detenuti presenti – con attivazione di scheda di dati mobili a carico dell’amministrazione – così da consentire, sotto il controllo visivo di un agente di polizia penitenziaria, una telefonata o video-telefonata quotidiana della durata di massimo 20 minuti a ciascun detenuto ai numeri di telefono cellulare oppure ai numeri fissi già autorizzati.

2. L’affidamento in prova in casi particolari di cui all’art. 47-bis della legge 354/75 è esteso anche a persone che abbiano problemi sanitari tali da rischiare aggravamenti a causa del virus Covid-19 con finalità anche di assistenza terapeutica.

3. La detenzione domiciliare di cui all’articolo 47-ter, primo comma, della legge 354/75 è estesa, senza limiti di pena, anche a persone che abbiano problemi sanitari tali da rischiare aggravamenti a causa del virus Covid-19.

4. Tutti i detenuti che usufruiscono della misura della semilibertà possono trascorrere la notte in detenzione domiciliare.

5. La magistratura trasformerà, salvo motivati casi eccezionali, i provvedimenti di esecuzione delle sentenze emesse nei confronti di persone che si trovano a piede libero in provvedimenti di detenzione domiciliare.

6. Estensione della detenzione domiciliare prevista dalla legge 199 del 2010 e successivamente resa stabile dalla legge 146 del 2013 ai condannati per pene detentive anche residue fino a trentasei mesi.

Si tratterà di una piccola goccia nel mare, ma è un passo avanti, è già qualcosa! Per questo nel nostro carcere Rocco D’Amato di Bologna abbiamo proposto, insieme ai volontari Avoc, l’idea di una EDU-RADIO per il carcere attraverso cui i detenuti possano almeno ascoltare le voci di operatori, formatori e volontari. E’ importante: non lasciamoli soli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...