La trasmissione che fa da ponte tra città e carcere: Liberi dentro – Eduradio&Tv

Eduradio è il progetto che da aprile 2020, attraverso la Tv e la Radio, si è posto accanto alle persone recluse, che più di tutti hanno sofferto e ancora soffrono il peso dell’emergenza sanitaria. Il distanziamento sociale per loro si è raddoppiato! L’esperienza di Eduradio che oggi è parte di Insight – associazione di promozione sociale nata a Bologna per studi, formazione e servizi al territorio -, è stata resa possibile grazie al concorrere di tanti soggetti istituzionali e del volontariato, e da Bologna si è progressivamente allargata all’intera Regione Emilia-Romagna.

Dopo la sperimentazione del 2020, a trasmissione è ripartita il 18 gennaio 2021, in collaborazione con ASP Città di Bologna – e poi in collaborazione con ASL Emilia-Romagna -, con un palinsesto ricchissimo dalle 9.00 alle 9.30 su Radio città Fujiko, alle 17.00 su Teletricolore e alle 13.00 e 17.00 su Lepida Tv canale 118.

In onda tutti i giorni: h. 9.00 su Radio Città Fujiko 103.1, h. 17.00 canale 636 Teletricolore, h. 13.00 Lepida tv canale 118

#Buongiorno con Liberi dentro

Venerdì 14 gennaio: 🎙 Buon fine settimana da Liberi Dentro-Eduradio & TV🎙Eccoci ad un altro ultimo “Buongiorno” per questa settimana, ma non vi preoccupate perché lunedì prossimo torneremo come sempre con nuovi ospiti e tante notizie dalla sfera carcere. Intanto ecco gli ultimi temi della settimana:

✅ #Roma: carcere di Regina Coeli, la realtà virtuale per “evadere”
✅ Nicoletta Cinotti e il suo #blog
✅ Ospite di puntata Aurora Dall’Olio, operatrice per l’esecuzione penale interna di CEFAL 

📌 Non perdete inoltre “Islam, religione e civiltà” in cui parliamo di abluzioni e di cura della persona; e il Servizio Civile Internazionale al CEC in Camerun

Qui potete rivedere la puntata andata in onda #OnAir Radio Città Fujiko 103.1 fm, #Teletricolore 636 e anche su #LepidaTVdalle 13 alle 14

➡️ https://archive.org/details/@liberi_dentro_-_eduradio

A domani con una nuova puntata ricca di testimonianze da chi vive per chi vive il carcere!

Segui i nostri podcast!

Puoi ascoltare e riguardare tutte le nostre puntate dei “Buongiorno Eduradio” e delle nostre rubriche sulla piattaforma audio-video di Archive!

Oppure seguire solo le rubriche di Eduradio “Oggi parliamo di” sul nostro canale YouTube!


Le Newsletter settimanali di Liberi dentro Eduradio&Tv

Good news is coming! Per tutta la settimana puoi seguire la nostra programmazione proprio qui!

Siamo tutti Liberi dentro – Eduradio&Tv!

Tre minuti per capire chi siamo, cosa facciamo e perché abbiamo a cuore il carcere. Ecco il video del nostro crowdfunding di agosto 2021!


Progetti – Ristretti


La salute va in onda su radio e tv per unire carcere e città

Prosegue il progetto Liberi dentro Eduradio&tv con il sostegno dell’Azienda USL. Confermato anche per il 2022 il programma educativo rivolto ai detenuti avviato durante il lockdown con l’intervento settimanale di professionisti AUSL su tanti temi di prevenzione e promozione della salute. Tutta l’informativa sul sito dell’Azienda sanitaria locale.

Liberi Dentro. Le comunicazione al/dal carcere nell’era del distanziamento sociale

Un anno fa sarebbe stato impensabile, eppure eccolo qui il Report a cura dell’ufficio del Garante regionale dei diritti delle persone prive della libertà personale in cui si parla a tutto tondo dell’esperienza Eduradio. Il primo progetto in Italia nato per iniziativa di cittadine e cittadini impegnati a vario titolo nella casa circondariale Rocco D’Amato di Bologna che non potendo più oltrepassare il blocco d’ingresso per le misure contro la pandemia hanno provato a scavalcare il muro di cinta almeno con le voci, quelle ben note ai detenuti dei quali si prendevano cura. L’esperienza è stata presentata il 21 maggio 2021, in un webinar. Qui potete scaricare il report in pdf.

Ponte di Storie

Ti va di raccontare una fiaba che hai incontrato nella tua terra? Un laboratorio finalizzato alla promozione dei diritti umani e del dialogo interculturale. Un progetto incentrato sull’idea della diversità come risorsa, che coinvolge sia il mondo dentro al carcere sia quello fuori, in particolare le scuole, e prevede lo scambio e la riscrittura di favole appartenenti alle tradizioni culturali dei vari paesi d’origine. Qui la versione in scaricabile in PDF , oppure con una donazione libera in versione EPUB sul sito di AVOC!

Religioni per la cittadinanza

è un progetto educativo realizzato, tra gennaio e giugno 2019, rivolto ai detenuti del penale e dell’alta sicurezza. Ciò che ne è scaturito è una ricerca qualitativa sull’emersione della religiosità in detenzione, analizzandone le potenzialità e le criticità. Lorenzo Stanzani, regista bolognese, ha documentato l’intera esperienza in un film intitolato “Nel bene e nel male – Dio in carcere”.

Che il mediterraneo sia… cita una nota canzone di Eugenio Bennato. E come sarebbe avviare, oggi nelle carceri, una riflessione sui temi etici e storici che accomunano, fin dal passato, le civiltà affacciate sul mar Mediterraneo? Questa è l’idea sottesa a “Mediterraneo comune”, laboratorio avviato nel 2014 nel carcere di Bologna con i detenuti stranieri.


Segui Liberi dentro…

E ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.

NOTA BENE: questo sito non è una testata giornalistica. Le immagini presenti su liberidentro.blog sono state prese in parte dalla stampa nazionale e locale, in parte da Internet, quindi considerate di pubblico dominio. Qualora i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basta segnalarlo all’indirizzo e-mail redazioneliberidentro@ gmail.com: articoli e foto saranno subito rimossi.

Un pensiero su “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...